Scansano dice no alla Geotermia: tra vino, olio, natura e archeologia «non ci sono luoghi idonei»

Da ilgiunco.net
SCANSANO – «Non possono essere individuati siti idonei per impianto di sfruttamento della geotermia». Questo è il comunicato che il sindaco Francesco Marchi e con lui Andrea Aniceti, Francesco Bartolini, Lorenzo Ferri, Gianni Iozzelli, Pasquale Quitadamo, Agnese Raffo, Enrico Luigi Riva, Elisabetta Tollapi ha inviato alla Giunta Regionale Toscana.

«La decisione della Giunta regionale Toscana relativa alla definizione delle aree non idonee alla Geotermia demanda ai comuni la possibilità di individuare all’interno zone non idonee ad ospitare impianti geotermici – afferma Marchi -. L’intero territorio comunale ha il marchio Morellino di Scansano DOC e Bianco di Pitigliano DOC oltre al marchio Olio IGT Toscano e pecorino, nel territorio comunale vi sono coltivazioni agricole di pregio e allevamenti di ovini che producono latte di gran pregio oltre a siti archeologici di rilevanza»

«L’intero territorio comunale ha un peculiare e unico paesaggio tipico maremmano che è stato conservato così come era da tempo immemorabile e che deve essere salvaguardato anche ai fini turistici». Per questo per il sindaco a Scansano non esistono siti atti ad ospitare impianti geotermici che sarebbero in contrasto con quanto sopra esposto».

You may also like...

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: