AIACE

CORO
Principe Odisseo, arrivi giusto, se sei qui a risolvere, non a complicare.

ODISSEO
Che c’è soldati? Ho percepito da laggiù gli Atridi urlare sul corpo eroico.

AGAMENNONE
E come no? Odisseo, sovrano, quest’individuo ci bersaglia con parole sporche.

ODISSEO
Quali? Giustifico chi contrattacca con termini pesanti, se lo bersaglia infamia.

AGAMENNONE
Ha avuto ingiurie: è sua l’iniziativa.

ODISSEO
Che t’ha fatto da colpirti duro?

AGAMENNONE
Non lascerà senza fossa questo morto. Gli spetta, dice. E lui l’inumerà, schiacciando me.

ODISSEO
Con te, può uno dei tuoi parlare sincero, e poi restarti accanto, sulla stessa barca, come sempre?

AGAMENNONE
Parla: altrimenti avrei la mente guasta. Ti sento come il più vicino, in mezzo ai Greci.

ODISSEO
Odimi, allora. Sugli dèi, non essere inumano, non farne rifiuto non sepolto senza fossa, senza tomba. Non deve trascinarti la barbarie, fino ai limiti dell’odio, fino a strangolare la morale. Astio estremo correva anche tra lui e me, da quando vinsi quel trofeo d’Achille. L’ammetto, era un rapporto d’odio, ma mi parrebbe rappresaglia infame non confessare ch’era lui il campione tra i campioni greci radunati a Troia. Eccetto Achille! Perciò non è legale se tu l’umili. Intaccheresti non il morto, ma le norme sante. Non è morale colpire un vero uomo, quando non sia più: neppure in caso d’odio.

AGAMENNONE
Con me ti scontri, per coprire lui?

ODISSEO
Io sì. Lottai contro di lui finché l’accanimento fu virtù.

AGAMENNONE
Eccolo in terra. E tu non vuoi passargli sopra?

ODISSEO
Atride, non festeggiare una conquista sporca.

AGAMENNONE
Non ha scrupoli il potere. Non scherza.

ODISSEO
Ma pondera i consigli degli amici.

AGAMENNONE
La persona proba ascolta i capi.

ODISSEO
Basta. Rimani capo anche cedendo ai tuoi.

AGAMENNONE
Medita che tipo favorisci.

ODISSEO
Un uomo, pieno d’odio. Ma uomo, uomo vero.

AGAMENNONE
Che ti succede? Scrupoli sull’odiato morto?

ODISSEO
Era eroe. E ciò cancella l’odio, in me.

AGAMENNONE
Una scossa, e si stravolge certa gente.

ODISSEO
E quanti, t’amano prima, poi s’accaniscono.

AGAMENNONE
Ti piace un tale amore, lo faresti tuo?

ODISSEO
Non mi piace lo spirito spietato, lo rifiuto.

AGAMENNONE
Noi rammolliti. È questo lo spettacolo che vuoi?

ODISSEO
Semplicemente umani, agli occhi greci.

AGAMENNONE
Insomma, il tuo appello è: lascia che lo si sotterri.

ODISSEO
Ah, sì. Anch’io arriverò a quel passo.

AGAMENNONE
Tutto normale. L’uomo è egoista, fa per sé.

ODISSEO
Per chi farei, se non per me? Sarebbe assurdo.

AGAMENNONE
La scelta è tua: non brillerà il mio nome.

ODISSEO
Fa’ come vuoi. Tanto, ne esci sempre a fronte alta.

AGAMENNONE
Sforzati di capire: io, a te, sarei disposto a dare molto, molto di più. Ma questo morto incarnerà il mio odio, laggiù come quassù, non cambia nulla. Tu pensa a fare il tuo «dovere». Sei libero.

Agamennone si allontana.

CORO
Sei una mente buona, Odisseo. Dono di natura. È pazzo chi conoscendoti lo nega.

ODISSEO
Sento d’aggiungere qualcosa, per Teucro: quanto ieri gli sono stato contro, tanto oggi sarò suo. Collaboro alle esequie, l’ho deciso. Spartirò i disagi, non mancherò all’impegno che è doveroso offrire alle persone elette.

TEUCRO
Superbo Odisseo! Ti do consenso pieno, fermo, per i tuoi intenti. Tu hai fatto irreale la mia ansia. Tu eri il più accanito, in mezzo ai Greci: eppure fu pronto, a piene mani, solo il tuo sostegno. Tu non avesti l’impudenza pronta, tu vivo, d’umiliare brutalmente il morto: come l’alto comando, col suo accorrere ebete, ottuso, lui e il fratello, decisi a relegarlo oscenamente via dalla fossa. Per questo il Padre, signore delle altezze; Erinni, Vendetta che non scorda; Dike, Giustizia che matura tutto, sfacciano oscenamente i loro corpi osceni, come loro vollero infangare, cancellare il morto. Dubito per te, Odisseo di Laerte venerando, se farti sfiorare la fossa: forse è agire ingrato, ostico al morto. Per il resto dammi l’appoggio. Fa’ partecipare al rito chi vuoi, del tuo campo: non ci darà noia. Curerò io ogni dettaglio. E voglio che tu sappia: tu sei per noi un uomo raro.

ODISSEO
Per me restavo. Ma se lo senti come un intervento estraneo, ti capisco. E vado.

You may also like...

Follow

Get every new post on this blog delivered to your Inbox.

Join other followers: